LE REALTÀ DEL SOGNO. LA STORIA DELLA FOTOGRAFIA DEL GRUPPO MISA

Senigallia città della fotografia. È proprio la città turistica balneare più conosciuta delle Marche ad essersi distinta come capitale della fotografia del Novecento italiano grazie al suo massimo esponente Mario Giacomelli vero maestro di questa arte con la quale ha saputo creare un nuovo, insuperato, linguaggio espressivo.

Giacomelli non nasce come voce isolata di una città di provincia, ma elabora la sua poetica dalle tante riflessioni sul ruolo della fotografia che negli anni Cinquanta del Novecento ha coinvolto gruppi di fotografi, critici, associazioni dedicate a questo mezzo.
Nel dopoguerra la fotografia interroga se stessa portando con se l’ormai storico conflitto tra arte e documento che si era sviluppato al suo nascere quando l’avvento delle prime immagini impresse su carta destabilizzarono il mondo dell’arte formato da pittori. Usata all’inizio come puro mezzo di documentazione della realtà, ben presto percorre una sua strada artistica nata da confronti, dibattiti e ricerche.

Il fondatore di uno dei gruppi più importanti fu Giuseppe Cavalli che nel 1947 fonda a Milano “La Bussola”. Avvocato di professione è profondo uomo di cultura in tutte le sue declinazioni che studia e indaga, ma soprattutto trova nella fotografia il mezzo adatto ad esprimere arte e non solo la semplice rappresentazione della realtà come afferma nel manifesto dell’Associazione La Bussola: “Noi crediamo alla fotografia come arte… chi dicesse che la fotografia artistica deve soltanto documentare i nostri tempi…commetterebbe lo stesso sorprendente errore di un critico d’arte o letterario che volesse imporre a pittori o poeti l’obbligo di trarre ispirazione da cose o da avvenimenti determinati e solo da quelli, dimenticando, con siffatta curiosa pretesa, l’assioma fondamentale che in arte il soggetto non ha nessuna importanza…il documento non è arte; e se lo è, lo è indipendentemente dalla sua natura di documento…Adoprarsi per la divulgazione di queste idee, affinché si giunga a diffondere tra i fotografi un credo estetico valido è il compito che si prefiggono i componenti del gruppo La Bussola.”

Cavalli si trasferisce a Senigallia e qui fonda L’Associazione Fotografica Misa conosciuta anche con il nome di Gruppo Misa alla quale collaborano e si formano grandi talenti come Mario Giacomelli, Ferruccio Ferroni, Piergiorgio Branzi, Alfredo Camisa e molti altri i cui scatti sono raccolti in questa affascinante mostra La Realtà del Sogno allestita nelle eleganti sale di Palazzetto Baviera. Un’esposizione di altissimo livello che narra la storia della fotografia italiana, ma è stata costretta alla chiusura dopo solo due giorni dall’inaugurazione a causa delle norme anticovid. Il comune di Senigallia ha voluto rendere comunque fruibile a tutti l’esposizione con un Virtual Tour che ha riaperto le porte di queste grandi opere al grande pubblico.

Visita la mostra virtuale IL REALISMO MAGICO DI MARIO GIACOMELLI

Un ringraziamento a Diego Pizi per le fotografie degli ambienti.